Login
Assoturismo Roma  omai da anni  lancia allarmi sulla questione del degrado nella città di Roma. Si sono succedute più giunte di diversi colori compreso un commissariamento ma la situazione non è cambiata di una virgola. Nelle zone più calde di Roma ormai alcuni operatori rischiano di chiudere la loro attività per il calo degli introiti causa degrado e insicurezza. Mesi  fa la denuncia della Fiepet Roma, associazione degli esercizi pubblici di Confesercenti, sul degrado  del quartiere S.Lorenzo. Spaccio, abusivi e immigrati clandestini che tengono sotto scacco alcune aree del quartiere. Molti gli incontri con le forze dell’ordine, collaborative, ma sempre in minoranza rispetto alle numerose necessità ed urgenze della città. Poi il cedimento della scala mobile nel
centro di Roma, i bus che vanno a fuoco, l’immondizia in ogni dove, traffico e parcheggi selvaggi, l’abusivismo, il verde pubblico abbandonato,  ma che immagine veicoliamo nel mondo di questa città chiamata “capitale”? 
Brocchi coordinatore turismo della Confesercenti di Roma:” Roma è una capitale a metà, non  in linea con gli standard delle altre capitali europee. Qui non è un fatto di giunta Raggi o meno, il fatto è che questa città è in stato di abbandono e degrado da  un decennio, il recupero è difficilissimo. Promuovere la città sotto il profilo culturale e turistico non basta, il visitatore vuole i servizi e vivere la città in maniera decorosa e sicura”. 
Due settimane fa un senza tetto con problemi psichiatrici, dopo aver creato caos in un supermercato nel quartiere di S.Giovanni in Laterano, ha aggredito senza motivo un signore anziano seduto all’aperto davanti ad un bar mandandolo in coma. Il senza tetto pochi giorni fa era ancora in giro nel quartiere. La situazione è indecente servono misure dure su tutti i fronti. Il danno di immagine è sempre più grande. Gli operatori di alcune aree sono in difficoltà, la clientela si sposta nelle are potenzialmente più sicure e pulite.
Conclude Brocchi: “ come possiamo pensare che gli operatori investano nelle proprie aziende se il degrado cresce sempre più? Serve un intervento immediato dello stato centrale su temi come sicurezza, decoro e infrastrutture”.
 
Confesercenti Roma
0644250267